Cristalloterapia - 2/3

MONDO OLISTICO
Typography

Come si sceglie un cristallo? Personalmente ritengo che il miglior modo per scegliere un cristallo sia l'istinto.

L'istinto richiama quella parte più profonda e intima di noi, che valuta senza ricorrere a schemi logici, razionali e di pensiero; il nostro inconscio sa bene di cosa abbiamo bisogno e attraverso l'istinto ci guida verso il cristallo giusto per noi. Dovunque siate (in un negozio di pietre, ad una bancherella ecc), provate a stare un momento con voi stessi, se potete portate le mani al petto e ispirate profondamente un paio di volte, facendo pulizia nella vostra mente e spazio nel vostro cuore. Poi osservate attentamente i cristalli davanti a voi e scegliete quello che più vi attrae.

Il cristallo più adatto a noi in questo momento è il cristallo che ci attrae di più, per la sua forma, il suo colore, la luminosità, perché ci piace tenerlo in mano e portarlo con noi.

Come pulire i cristalli

Le pietre sono in costante equilibrio e si rigenerano con il sole e con l'acqua, è vero tuttavia che portandole con noi per lunghi periodi di tempi o in momenti particolari della nostra vita può accadere che diventino affaticati: lo possiamo vedere per la variazione del loro colore, per la comparsa di piccole impurità che prima non avevamo notato.

Possiamo purificare i nostri cristalli facendogli un bel bagno d'acqua calda con una manciata di sale (qualche minuto), oppure li possiamo mettere su una drusa di ametista per qualche giorno. Con l'utilizzo del sale bisogna prestare attenzione per alcune pietre porose come l'agata, la malachite, luvilite, perché potrebbero rovinarsi.

Dopo il bagno d'acqua, lasciate asciugare i cristalli alla luce indiretta del sole o alla luna, mai al sole diretto,perché potrebbero rovinarsi. Per alcuni tipi di cristalli è necessario scaricarli sotto terra.


 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS