Ayurveda - le origini dell'Ayurveda

MONDO OLISTICO
Typography

La parola Ayurveda è composta dai termini Ayus (vita) e Veda ( conoscenza o Scienza) pertanto significa “conoscenza della Vita” o “Scienza del vivere sani” o anche “coscienza della vita”intesa come consapevolezza di se stessi oltre che all'apprendimento del mondo esterno.

E' la scienza del benessere naturale più antica di cui l'uomo abbia memoria risale al 5.000 a.C.

Si occupa di tutti gli aspetti del benessere:fisico, psichico e spirituale e si interessa di ciò che è normale, tanto quanto di ciò che è anormale e patologico; considera la salute non solo come assenza di malattia, ma come uno stato di continuo appagamento dato da felicità fisica, mentale e spirituale ed equilibrio tra corpo, organi di senso, mente ed anima.

Ricerca il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima, con il concetto che si ha di Dio, ecc.

L'Ayurveda è pertanto, la scienza che permette di auto-conoscersi, in modo da apprezzarsi e migliorarsi e si pone come obiettivo quello di allungare la vita.

In India si narra che quando sulla terra comparvero le malattie ad ostacolare la vita degli esseri viventi, un gruppo di antichi saggi indiani chiamati “Rishi”proveniente da varie parti del mondo, spinti da compassione, si riunirono in un luogo propizio alle pendici dell'Himalaya , alla ricerca di un rimedio; entrando in meditazione, ottennero l'aiuto di INDRA, il Signore degli Dei, che li avrebbe istruiti in modo da poter contrastare le varie patologie.

Tra di loro ,Bharadvaja fu prescelto ed eletto per affiancare Indra e imparare l'Ayurveda.Al suo ritorno,imparti' scienza ad Atreya e di qui a sei discepoli, ognuno dei quali scrisse un trattato in merito; la maggior parte di essi è ormai persa, ma l'opera del discepolo Agnivesa, o per lo meno una parte, è giunta fino a noi nella forma del Charaka Samhita.

Un altro racconto mitologico, rivela invece, che Dhanvantari, il medico degli Dei, fu inviato da Indra sulla terra,per diffondere la conoscenza della medicina.

Al giorno d'oggi molti medici ayurvedici usano l'Astanga Hrdayam, una raccolta più concisa scritta oltre mille anni fa e basata su testi ancora più antichi.

Per usare l'Ayurveda nella nostra vita non è necessario accettare e tanto meno capire questa filosofia antica basta avere una mente e un cuore aperto per poter acquisire una percezione più profonda di se stessi e comprendere come l'ayurveda è in grado di cambiare la nostra vita.


 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS